Mese di DICEMBRE

Agenda di Dicembre

Alle prime luci del mattino la nebbia, sembra avvolgere in un velo i rami del nostro giardino, mentre la brina e il gelo ricamano con perle brillanti, i rami, le foglie e l'erba.
Poi un timido sole ci regala, seppur fuggente, la visione di fantastiche sculture di ghiaccio.
E' difficile resitere al fascino di una rilassante passeggiata, lungo viottoli ricoperti di un soffice e spesso strato di foglie ormai cadute, immersi dentro i caldi colori dell'inverno, che non racconta solo del grigio, ma esprime anche la bellezza cromatica delle cortecce e dei rami, come quelli chiari dell' elegante betulla e del pioppo bianco striati di antracite, il rosso della nandina comune e del sanguinello (cornus sanguinea), i colori caldi di alcuni aceri e poi i rami contorti di lagerstroemia e nocciolo, gli eleganti salici e la presenza dei cipressi e di argentee conifere. Un vero incanto!
Raccogliamo bacche rosse, piccole pigne, ghiande con il guscio, foglie purpuree e rametti sfumati di bianco che accosteremo con gusto, ottenendo composizioni e centrotavola per le feste.

A tutti i pollici verdi, Occhio al Giardino augura un sereno Natale ed uno scintillante e fioritissimo Nuovo Anno .

Lunario di Dicembre

LUNARIO DICEMBRE 2019
Primo quarto 4
Luna piena 12
Ultimo quarto 19
Luna nuova 26

21 Dicembre, il solstizio, segna l'ingresso ufficiale dell'inverno

FESTIVITA' E RICORRENZE DICEMBRE 2019
8 Immacolata Concezione
13 S. Lucia
25 NATALE del Signore
26 S. Stefano. Sacra famiglia.
31 S. Silvestro (Fine dell'anno).

Giardino e Terrazzo di Dicembre

I lavori all'esterno sono ridotti al minimo, se nel vostro giardino avete alberi con altezze importanti, osservate bene gli eventuali rami secchi e prima delle nevicate, provvedete alla loro eliminazione per evitare crolli improvvisi e relativi danni.
Il giardino deve essere poi ripulito da tutte le foglie e dai rametti che possono marcire e diventare un riparo per animali parassiti.

Se avete in giardino alberi polloniferi come ad esempio il tiglio procedete alla loro spollonatura.
Questa operazione, consiste nell'asportare la più o meno densa comparsa di getti che circonda il colletto egli alberi a mò di corona.
Si tratta di semplici germogli radicali che se non eliminati, sottraggono nutrimento alla pianta e crescendo velocemente formano una barriera intorno alla pianta stessa, creando difficoltà per le sue cure.
Si eliminano tagliandoli in modo deciso con arnesi affilati all'altezza del fusto.

Approfittatene per effettuare il controllo e la manutenzione degli attrezzi e per fare l'inventario dei prodotti chimici, fertilizzanti, terricci e semi mancanti.
A proposito di tutti i prodotti chimici e fertilizzanti controllate le confezioni assicurandovi che siano ben chiuse e sostituite i sacchetti danneggiati. I prodotti così sistemati vanno collocati in un locale fresco e asciutto e soprattutto chiuso a chiave e inaccessibile a bambini e animali!

Effettuate talee semilegnose di arbusti e siepi ma solo nelle zone con inverni poco freddi oppure se possedete una serra, traslocate gli arbusti e impiantate i nuovi esemplari.

Pacciamate le superfici intorno alle radici, con foglie secche e asciutte o anche paglia o erba secca.

Alle piante giovani e delicate avvolgete la chioma con tessuto non tessuto lasciando un lato da aprire quando le condizioni climatiche lo permettono per dare respiro alla pianta.

Controllate tutti i tutori che potrebbero cedere con vento e pioggia e infine pacciamate il piede.

Se non possedete una serra, riparate i vasi almeno in un garage luminoso, sotto una tettoia, o perlomeno accostandoli ad un muro esposto al sole per ripararli dai freddi venti del nord.
Riparate tutti i vasi che restano all'esterno e avvolgeteli in teli di tessuto non tessuto per non rischiare danni alle terrecotte e alle piante.

Innaffiate poco e a lunghi intervalli lunghi e tenete sotto controllo muffe, ristagni e marciumi nei vasi.

Se possedete dei pini fate attenzione ai nidi delle processionarie che vi prolificano. Eliminate la parte di ramo e bruciate gettando via ciò che resta. Pulite gli aghi che cadono sempre copiosi, ricoprendo tutto il suolo.

Siete dei super fortunati che vedono degli uccellini stanziali sopra al proprio davanzale? Allora saprete sicuramente quanto serva loro un aiuto essenziale per superare la difficoltà di reperire cibo quando arriva la rigidità dell'inverno.
Prepariamo delle casette di legno piene di grasso e granaglie, briciole e semi e anche acqua quando tutto è ghiacciato e poi disponiamo questi aiuti in un luogo tranquillo del giardino lontano da cani, gatti e soprattutto al riparo dai cacciatori. Ricolmiamo spesso e salveremo la vita ai nostri simpatici amici con le ali, che ricambieranno la gentilezza allietandoci col loro cinguettio.

Rose di Dicembre

Il momento migliore per l'impianto dei rosai a radice nuda è da Dicembre fino a Febbraio, provvedete alla loro potatura ma non potate le altre fino a fine inverno.

E' tempo di riordinare i rosai ma per procedere alla potatura aspettate Gennaio, adesso procedete solo con l'eliminazione dei rami secchi.

Salvaguardate i vostri rosai dall'attacco parassitario di primavera somministrando una soluzione ramata sulla parte aerea.

Eliminate le bacche solo se non sono belle e decorative.

Sradicate i polloni selvatici.

Fornite del concime a lenta cessione e interratelo con una leggera zappettatura.

Piante di casa a Dicembre

Negli addobbi natalizi sempre più spesso anche da noi pur proveniente da tradizioni anglosassoni trova posto come simbolo bene augurante il VISCHIO Viscum album della Fam. delle Loranthaceae. Forse però il suo gradevole aspetto non vi farebbe mai pensare che vi trovate di fronte ad una pianta parassita. Essa cresce infatti su robinie, pini, pioppi, abeti, salici, tigli ed altri succhiando loro la linfa. L'aspetto che conferisce agli alberi dai rami spogli su cui si trova in inverno accresce l'alone di magia che lo circonda fin dall'antichità. Per i Celti era un portafortuna e nel Medioevo veniva usato per elisir, medicamenti e antijella sull'uscio di casa. La caratteristica che lo fa ricercare è data dalle bacche color bianco perla che lo adornano d'inverno. La diffusione del vischio è ad opera degli uccellini golosi delle bacche che lasciano cadere il seme appena spolpato o subito dopo digerito che si va ad appiccicare sui rami degli alberi.

Perchè sia Natale una stella, con Euphorbia pulcherrima, e poi addobbate un abetevero solo se poi potrete trasferirlo in giardino o regalarlo ad un amico e se la vostra casa non è riscaldata eccessivamente ricordandovi di somministrare acqua per la sua sopravvivenza; altrimenti optate per un'albero in plastica.

E poi ghirlande con rami di pino o abete decorate con pigne dorate e bacche di rosa o vischio e ciuffetti di agrifogli.

Ancora composizioni con orchidee, eriche ciclamini, solanum e guzmania e Cactus di Natale (schlumbergera) che fiorisce in inverno ma nelle case troppo riscaldate soffre.

Preparate dei centrotavola con candele colorate e soavi e profumatissimi agrumi, noci, nocciole e castagne e kiwi e poi ancora alchechengi essiccati.

I colori del giardino di Dicembre

Splende con i suoi meravigliosi fiori dai toni delicati la Camelia sasanqua, 

Hamamelis mollis dai cui rami spogli spiccano gli splendidi fiori.

Agrifoglio elegante dalle foglie lucide e dalle ricche bacche rosse ( date solo dalle piante femminili) è beneaugurante e portafortuna.
Molto decorativo è il Solanum capsicastrum che produce dei piccoli frutticini colorati verdi, arancio quasi rossi. Cercate di proteggerlo dal gelo e dal freddo per prolungare la tenuta delle bacche che risultano graziose e decorative. Se lo avete in vaso non lo portate in casa perchè il caldo sarebbe eccessivo e la reazione sarebbe la caduta delle bacche.
E' proprio dalle bacche essiccate che si ricavano i semi per nuove piantine...ma dobbiamo aspettare la primavera.

Le viole resistenti e colorate, gioiose e allegre.

 Skimmia, cavoli ornamentali, ciclamini, cornus...ma quanti colori in questo inverno? Basta saper scegliere.

Il Fiore del mese di Dicembre

Strelizia
Strelitzia reginae
Famiglia:musacee
Origine:Africa meridionale
Descrizione: pianta spontanea tropicale che forma grossi cespi con fusti alti e robusti con importanti foglie verdi dai riflessi metallizzati di forma ovale ed eretta.
Coltivazione: tolte le regioni mediterranee la coltivazione avviene esclusivamente in serra, in casa, in veranda.
Fioritura: molto conosciuti diffusi e strani i fiori recisi durano tanto tempo e sono molto decorativi con il giallo-arancio dei grandi sepali circondati da tre petali di colore blu intenso che mutano la posizione durante la fioritura.
Terreno: usare sul fondo del vaso, che visto la prorompenza delle radici deve essere abbastanza capiente, un buon drenaggio formato da terra di lettiera, sabbia e argilla espansa, il terriccio centrale è sempre composta da  terra di lettiera, sabbia e marna.
Posizione: predilige il sole ma con cautela quando può bruciare la pianta e mantanare in inverno sempre in luogo luminoso non al di sotto di 8° C.
Innaffiature estive: devono essere abbondanti
Innaffiature invernali: vanno diminuite quando fa freddo e la pianta è in riposo vegetativo.
Tarassiti e avversità: possono comparire gli afidi che saranno combattuti con appositi insetticidi.
Suggerimenti preziosi: una volta seccati i sepali devono essere rimossi.

 Euphorbia pulcherrima
La Stella di Natale è ormai la pianta natalizia consueta nelle nostre case. Possiede delle brattee coloratissime: rosse, rosa, bianche e screziate.
Questa colorazione serve alla pianta per attirare a se durante la fioritura insetti pronubi.
Il fiore vero e proprio è anonimo di color giallo all'apice degli steli floreali.
Pianta robusta, senza problemi, che può rifiorire con facilità se le si dedicheremo poche cure.
Unici nemici della Stella di Natale sono le temperature secche e al di sopra dei 20° e le correnti d'aria. Cercate anche di non mettere il vaso direttamente dietro al vetro della finestra perchè i raggi solari creano problemi. Date acqua non appena il terriccio si mostra asciutto e concimate in forma liquida ogni 10 giorni.
Umidificate con delicatezza le foglie frequentemente.
Alla fine di Gennaio quando le brattee cadono è il momento di potare gli steli di 10 cm. e di porre il vaso in ombra protetto dal gelo con terra quasi asciutta. In tarda primavera rinvasate in una misura più grande e aggiungete del buon terriccio. Ponete il vaso in posizione luminosa a 13°-15°, annaffiando abbondantemente. Da Ottobre iniziate a coprire la pianta dal pomeriggio fino al mattino tardi (deve cioè ricevere consecutivamente 10 ore di luce. Questo per otto settimane, poi lasciare alla luce indiretta ad una temperatura di circa 15°.

Tappeto Erboso di Dicembre

Il periodo invernale è di riposo per il tappeto erboso, occorre fare molta attenzione a non calpestare il prato quando è gelato perchè i fili d'erba si spezzano.

Le siepi di Dicembre

Se non gela e le buche sono state scavate già in Novembre è possibile porre a dimora gli esemplari per una nuova siepe.

Se gela non potate perchè potreste compromettere i rami e non toccate i lunghi tralci di edera che subiscono rotture quando sono gelati.

L'orto di Dicembre

Orto

Non sono finiti i lavori all'aperto, perchè è risaputo che nell'orto c'è sempre qualcosa da fare.

E' tempo di pulire a fondo tutto l'orto eliminando tutti i residui delle coltivazioni precedenti e quindi,pioggia permettendo, si vangano le piazzole rimaste vuote ed si effettua una concimazione organica sotto forma di letame maturo.

Al riparo con Luna calante si seminano: la lattuga da taglio e ravanelli;
mentre all'aperto: aglio, cipolla, scalogno, fave e piselli.

CONSIGLIO: provate a coltivare i cavolini di Bruxelles, è molto soddisfacente.
Nei nostri orti danno ottimi risultati, sono resistenti sia al freddo che all'umidità.
producono abbondantemente e a lungo. Sono ottimi sia per il consumo fresco che per essere conservati, surgelandoli.

Si raccoglie:radicchio, cavolfiore, finocchi, cime di rapa e verza.

Effettuate la manutenzione degli attrezzi.

La serra di Dicembre

A novembre abbiamo provveduto al rimontaggio o alla revisione della serra fredda e ricordando i forti venti e le nevicate degli inverni passati prenderemo gli opportuni provvedimenti, rafforziamola con tiranti laterali e inseriamo delle ulteriori traversine nella volta, in modo da evitare che il telo si avvalli creando pericolose sacche di acqua, ghiaccio o neve, che appesantirebbero l'intera struttura.
Controllate comunque dopo una nevicata,rimuovete la massa in tempo con una scopa, senza forzare, per evitare forzature che potrebbero rompere il telo di copertura.

Quando invece le temperature si tengono al di sopra delle medie stagionali, occorre arieggiare nelle ore centrali, riducendo così la formazione di condensa.

Sempre con temperature discrete e tendenza a pioggia innaffiate nelle serre fredde ma non esagerate, usate cioè un innaffiatoio e non il tubo di gomma per non creare inutili e dannosi eccessi di acqua.

Le aromatiche di Dicembre

Togliete dalle aromatiche a portamento arbustivo la neve che con il suo peso rovina l'estetica e gela i rami.

Il frutteto di Dicembre

Le giovani piante da frutto devono essere seguite e curate con attenzione. Se il sole e il vento asciugano in profondità il terreno e non gela, fornite una moderata quantità d'acqua cioè quella necessaria alla sopravvivenza senza eccedere in modo che una eventuale gelata non comprometta la vita della pianta.
Fornite anche un buon tutore che assicuri stabilità contro il forte vento e la neve.
Quando nevica intensamente non aspettate che faccia presa e scuotete la chioma degli alberi adulti per evitare rotture anche dei rami importanti.
Spargete alla base delle piante, del letame maturo che, per ora, va semplicemente rastrellato e poi verrà vangato, per mandare in profondità le sostanze nutritive, che anche grazie a gelo e pioggia raggiungeranno le radici.
La potatura naturalmente verrà eseguita non solo in questo mese ma anche in Gennaio e Febbraio.
Le fioriture delle nostre zone non riguardano la meraviglia dei Mandorli siciliani ma si limitano a quella modesta degli amenti del Nocciolo.
Trattamenti "al bruno" ossia su rami nudi di pomacee e drupacee e per quanto riguarda il controllo di parassiti e cocciniglie.
Togliete i frutti secchi dagli alberi.
Irrorate con poltiglia boldolese per controllare il cancro dei rami.

Le noci a Natale sono quasi d'obbligo, gustose e preziose, sono utili dal punto di vista nutrizionale perchè contengono melatonina, un potente antiossidante ritenuto utile per la salute celebrale, ma una noce aperta a metà, ricorda la forma del cuore ed infatti sono da sempre ritenute frutto amico del cuore.
Come il resto della frutta secca non ha colesterolo ed é ricca di: proteine e fibre, ma anche.acido folico, niacina e vitamina E e B6. Da non dimenticare l'importante contenuto di importanti minerali come potassio, fosforo, magnesio, rame, selenio e zinco.

Il rovo deve essere potato recidendo i rami che hanno fruttificato, così anche per il Lampone (varietà unifere).

Il ribes non ama le potature, procedete solo ogni 2-3 anni all'eliminazione dei rami più vecchi e limitatevi a mantenere una chioma ordinata con delle sfoltiture.

Se avete nel frutteto alberi polloniferi come ad esempio il castagno, procedete alla loro spollonatura.
Questa operazione, consiste nell'asportare la più o meno densa comparsa di getti che circonda il colletto egli alberi a mò di corona.
Si tratta di semplici germogli radicali che se non eliminati, sottraggono nutrimento alla pianta e crescendo velocemente formano una barriera intorno alla pianta stessa, creando difficoltà per le sue cure.
Si eliminano tagliandoli in modo deciso con arnesi affilati all'altezza del fusto.

Si raccolgono: agrumi a volontà: limoni, aranci, mandaranci, mandarini, clementine e kumquat e poi kaki, mele, pere.
La raccolta delle olive, rappresenta un grande impegno, sebbene ormai quasi totalmente meccanizzata, anche per quest'anno, volge al termine, con risultati non molto soddisfacenti almeno dal punto di vista quantitativo.

Se vivete in una zona dove le gelate sono presenti conservate: fichi, kiwi e kaki, pacciamando la base con paglia.

Marze= si tratta di porzioni di rami di 25-30 cm. prelevate in inverno con Luna calante, dalle piante che desideriamo riprodurre e che vengono mantenute in frigorifero (a 3-4° C in un sacchetto e messe a bagno per alcune ore con la base nell'acqua) fino alla fine dell'inverno quando si utilizzeranno con un innesto a spacco.

Laghetto e giardino roccioso di Dicembre

Provvedete nelle giornate di tempo buono alla pulizia delle roccaglie e se alcuni vegetali restano all'aperto, pacciamateli adeguatamente.
Immergete dei pezzi di polistirolo compatto nell'acqua del vostro laghetto, la pressione del ghiaccio sui margini, sarà meno pressante

Vigna e vino di Dicembre

Inizia il periodo della potatura nelle giornate in cui non gela ma il consiglio è di non avere fretta perchè la vigna adesso riposa e la potatura si potrà effettuare anche a Gennaio e Febbraio.
Il vino si cambia in una giornata limpida di Luna calante.
Mentre il vino vecchio si imbottiglia.
Si rabboccano le botti in legno per i fortunati che le possiedono.
Il novello è pronto per la degustazione.

I proverbi di Dicembre

Se piove per Santa Bibiana (2 dicembre) dura quaranta dì e una settimana.

Per Santa Bibiana (2 dicembre), scarponi e calza di lana.

A Santa Barbara (4 dicembre) sta' intorno al fuoco e guardalo.

Per San Nicolò di Bari (6 dicembre), festa o non festa, a scuola non si resta.

A San Nicola di Bari (6 dicembre), la rondine passa i mari.

Chi si rinnova per Maria (8 dicembre), scampa la malatia.

Se San Damaso (11 dicembre) venerate, sarete in pace con chi amate.

Da Santa Lucia (13 dicembre) il freddo si mette in via.

Sante Lùcie (13 dicembre), el fredo scrùscie (dicono a Udine).

Da Santa Lucia a Natale il dì s'allunga quanto un passo di cane.

A San Gaziano (18 dicembre) lo scaldino in mano.

A Natale (25 dicembre) freddo cordiale.

Natale (25 dicembre) in pantanella, Pasqua in polverella.

Natale (25 dicembre) al balcone, Pasqua al tizzone.

Da Natale (25 dicembre) in là il freddo se ne va.

A San Silvestro (31 dicembre) la neve alla finestra.