it Feed RSS di OcchioViterbese http://www.occhioviterbese.it Occhioviterbese Denunciato un uomo 65enne per maltrattamenti in famiglia /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29735 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 11:16:16 Altro episodio di maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi di assistenza familiare nell’alta Tuscia. I Carabinieri infatti hanno denunciato un uomo 65nne separato per i reati indicati. La vicenda scaturisce dalla denuncia della ex coniuge che lamentava, documentandoli, atti di violenza, minacce ed ingiurie che si sono protratti dal 2009 al dicembre del 2014. Inoltre la donna ha denunciato anche la violazione degli obblighi di assistenza familiare poiché l’ex marito non ha mai versato la quota di contributo mensile stabilito in sede di separazione dal Giudice del Tribunale Civile di Viterbo. Nella circostanza la Prefettura ha emesso nei confronti del marito, a seguito dei numerosi episodi denunciati, un divieto di detenzione armi che nei giorni scorsi è stato notificato dal personale dell’Arma dei Carabinieri ed è stato ritirato un fucile da caccia legalmente detenuto dall’’uomo. Si attendono ora le decisioni che l’Autorità Giudiziaria competente adotterà.]]> Traslochi spaziali /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29734 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 11:04:06 Oggi 25 maggio inizieranno presso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) le prime attività legate a un riassetto della ISS che si concluderanno il 28 maggio.Questo riassetto prevede lo spostamento, non di “semplici attrezzature” ma, del modulo Leonardo. Questo sarà sganciato dalla porta nadir del Nodo 1 Unity per essere posta nella parte anteriore del Nodo 3 Tranquility, sua collocazione definitiva.La manovra, che prevederà la disattivazione del modulo, il suo spostamento tramite il braccio robotico e la sua riattivazione, coinvolgerà il comandante della ISS Terry Virts, Scott Kelly e l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti.Questo riassetto si è reso necessario per preparare la ISS all’approdo delle nuove navette per equipaggio commerciale in fase di sviluppo nel programma Commercial Crew Development. I vecchi Shuttle, andati ora in pensione, verranno sostituiti dalle navicelle Dragon della compagnia SpaceX e CST-100 della Boeing, che si affiancheranno alla Soyuz (unico sistema di trasporto al momento operativo).Leonardo, modulo sviluppato attraverso la modifica di uno dei tre Multi-Purpose Logic Module dall’ASI per la NASA, in cambio di diritti di utilizzo da parte dell’Italia della ISS, viene utilizzato come modulo di stoccaggio per parti di ricambio, rifornimenti e materiale di scarto.Lo spostamento sarà visibile in diretta streaming mercoledì 27 maggio a partire dalle 14 sul canale Nasa Live di AsiTV.Delfino MichelaFonte: http://www.asi.it/]]> Deliberazioni consiliari del 17 marzo: “A che punto è la loro esecuzione?” chiede la minoranza consiliare /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29733 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 10:25:05 I consiglieri comunali di minoranza di Acquapendente (Franco Ferri, Aldo Bedini, Alessandro Brenci e Sergio Iacoponi) hanno scritto al Sindaco e per conoscenza al Segretario comunale ed ai consiglieri di maggioranza, chiedendo urgente riscontro, per conoscere gli esiti di alcune decisioni adottate dal Consiglio comunale nella seduta dello scorso 17 marzo. In particolare i consiglieri fanno riferimento alla deliberazione n. 7 sulla gestione condivisa ed unificata dei servizi con la Riserva Naturale Monte Rufeno e la Comunità Montana: “Quali azioni sono state poste in essere – chiedono i consiglieri di minoranza – sia verso la Regione Lazio sia nei confronti degli altri Enti interessati e quali risposte sono state ottenute?”. Circa la deliberazione n. 8 avente per oggetto “problematiche rifiuti” i consiglieri di minoranza chiedono di conoscere “quali proposte operative sono state elaborate dalla Giunta al fine di valutare l’ipotesi di riduzione tariffaria per superare le criticità emerse, da sottoporre al Consiglio comunale previo passaggio in Commissione”. Sulla deliberazione n. 9 che aveva per oggetto “Unificazione Direzione Museo del Fiore e Museo della Città” il capogruppo Franco Ferri ed i suoi colleghi chiedono se è stata predisposta la richiesta di modifica della struttura museale in Museo esteso alla ceramica medioevale e se la stessa è stata inoltrata alla Regione Lazio”. Infine sulla deliberazione n. 12 con oggetto “Proposta miglioramento della circolazione stradale” i consiglieri di minoranza affermano che il Consiglio comunale aveva deliberato di dare mandato alla Giunta di formulare una proposta puntuale entro 30 giorni per l’esame del Consiglio comunale previo passaggio in Commissione su aspetti di viabilità e parcheggi. E domandano di sapere “quali ragioni hanno impedito il rispetto della unanime decisione del Consiglio comunale atteso che sono trascorsi oltre 60 giorni dalla decisione e che sono ormai trascorsi diversi anni da quando la materia è stata oggetto di esame”.]]> L' Università della Tuscia tramite il Labform avvia i tirocini formativi /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29732 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 10:17:01 L'obiettivo è quello di rafforzare il rapporto con le scuole ma soprattutto con gli insegnanti per creare un sistema unico dove con molta sinergia si possano mettere  in atto importanti attività formative volte a migliorare e valorizzare la preparazione e le competenze degli insegnanti delle scuole superiori che per noi sono fondamentali perché aiutano i nostri studenti a migliorare . Così il prof. Alessandro Ruggieri Rettore dell'Università della Tuscia sottolinea la grande importanza della costituzione  'del Labform   del quale fanno parte 8 docenti dell'Ateneo viterbese provenienti da tutti i dipartimenti. Ciascuno metterà in campo le proprie competenze. Istituito con decreto del Rettore in questi giorni, ricalca le direttive del Ministero dell'Istruzione e dell'Università in fatto di aggiornamento degli insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Il Labform è un laboratorio costituito da un gruppo di docenti dell'UNITUS rivolto alle esigenze formative e di aggiornamento degli insegnanti delle scuole. Verranno organizzati seminari tematici interdisciplinari, work-shop, corsi di aggiornamento su temi richiesti dalle scuole anche in modalità    e-learning, saranno avviati progetti di ricerca-azione e ricerca in campo sulle buone pratiche educative condotti in collaborazione con insegnanti e dirigenti scolastici, verranno ricercate collaborazioni esterne con istituti scolastici, enti di ricerca e agenzie educative italiane e straniere e altro ancora. Il Labform- ha sottolineato il rettore- è un organo veramente operativo volto anche a migliorare le competenze degli studenti. Il progetto è già partito e nella prima settimana di giugno ci sarà un incontro con gli insegnanti delle scuole e i dirigenti . Così come ha specificato anche il rettore, il Laboratorio può essere successivamente integrato in relazione a specifiche esigenze anche con altro personale docente, tecnico amministrativo, collaboratori, studenti e laureati dell'Università della Tuscia. L'Università della Tuscia si pone dunque ancora una volta come sicuro punto di riferimento per le scuole viterbesi.]]> Accordo di collaborazione tra ASD Sorrisi che Nuotano Eta Beta e ASD Zona Olimpica Team /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29730 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 07:58:10 Il 22 maggio è stato siglato un accordo di collaborazione tra l’ASD Zona Olimpica Team di Viterbo, Società Sportiva affiliata UISP, e l’ASD Sorrisi che Nuotano Eta Beta di Viterbo ONLUS, affiliata alla FISDIR ed a Special Olympics Italia,  che da molti anni si interessa di avvicinare alla pratica sportiva ragazzi e ragazze “speciali” della città e della provincia di Viterbo.             L’accordo, siglato tra il Presidente di Zona Olimpica Team, Rodolfo VALENTINO, ed il Presidente di Sorrisi che Nuotano Eta Beta, Maurizio CASCIANI, prevede un sostegno economico da parte di Zona Olimpica Team all’attività sportiva svolta a favore dei ragazzi e delle ragazze in difficoltà seguiti dalla Società Viterbese, eventuali iniziative comuni di raccolta fondi e la possibilità di organizzare eventi sportivi volti a sostenere l’attività sportiva a favore dei diversamente abili ma, soprattutto a diffondere l’idea dello sport come veicolo per il superamento delle barriere fisiche e mentali che tuttora limitano la piena inclusione sociale dei tanti atleti “speciali” viterbesi.             In particolare il sostegno economico si concretizzerà nel versamento annuale all’ASD Sorrisi che Nuotano Eta Beta di un contributo in denaro determinato sulla base dei tesserati di Zona Olimpica Team,  e nelle campagne di raccolta fondi che verranno via via concordate, in collaborazione con Bruno Maria BUZZI, titolare del negozio di articoli sportivi “Zona Olimpica” di Via Garbini a Viterbo.             “Questo primo accordo” – ha precisato Maurizio CASCIANI, Presidente di Sorrisi che Nuotano Eta Beta – “riveste particolare importanza, al di là del mero sostegno economico pure importante, perché rappresenta il primo accordo del genere tra Società Sportive di normodotati e di diversamente abili, ma soprattutto perché consente di allargare  i confini dello sport e di riunire importanti sinergie per la realizzazione di grandi eventi promozionali”.             “L’accordo all’interno del Consiglio Direttivo della Nostra Società” – ha confermato Rodolfo VALENTINO – “è stato subito completo ed unanime. Troppo spesso si parla di fare qualcosa per la promozione dello sport anche tra chi ha maggiori difficoltà a praticarlo, ma raramente si mettono in pratica azioni concrete. La nostra decisione parte dal desiderio di “fare”, ma soprattutto si auspica che questo possa rappresentare un importante segnale per tante altre realtà sportive viterbesi che potrebbero fare molto per aiutare chi è più in difficoltà”.             Tra i progetti di più ampio respiro la possibilità di organizzare eventi comuni con partecipazione di atleti normodotati e “speciali”.               Un grande segnale per tutto lo sport della Tuscia ed un importante passo in avanti per la diffusione della sana pratica sportiva.]]> Ottimo inizio dei campionati regionali di pattinaggio pee l' ASD Libertas Pilastro /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29729 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 07:54:54 Per gli atleti dell’ASD Libertas Pilastro ottimo inizio dei campionati regionali di pattinaggio della Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio e dell’Ente di promozione sportiva UISP, valevoli per il passaggio ai campionati nazionali, infatti sono già 11 gli atleti che hanno acquisito questo diritto, a testimonianza della ottima scuola della società bianco-rossa che con la guida dei dirigenti e degli istruttori, riescono a trasmettere ai ragazzi i valori dello sport e della vita, e di conseguenza a valorizzare le capacità di ognuno di loro per arrivare a risultati eccellenti.           Dopo un anno di intenso lavoro svolto dai ragazzi e dagli istruttori con determinazione e sacrifici, ma con amore, consapevoli delle loro possibilità; Questa la rosa dei fantastici atleti che hanno centrato la qualificazione: Rachele Cerica, Marika Fontana, Gaia Calisti, Chiara Mizzelli, Susanna Marazzi, Sofia Marazzi, Martina Mizzelli, Liana Frittelli, Matteo D’Andrassi, Letizia Ciccioli, Massimo Vittori, Alice Fioretti, Erica Salta.           Dalle prossime gare in programma presso il centro sportivo Sacro Cuore il 30-31 maggio e 2 giugno con i campionati regionali UISP e il 6 e 7 giugno con quelli della Federazione, altri atleti cercheranno di staccare il biglietto per le gare nazionali, per questo sono iscritti ai campionati regionali: Flavia Frittelli, Laura Calfapietra, Aurora D’Andrassi, Irene Magnani, Ludovica Esposito, Sara Grancini, Ilaria Savelli, Nicole D’Orazio, Alice Sellarione, Sara Brancaccio, Anna Marrone, Francesca Topini, Elisa Petroselli, Gloria Turchetti, Lea Bernardini, Sara Ceccarelli, forza ragazzi mettetecela tutta, siete bravi, un grosso “in bocca al lupo” dallo staff dei dirigenti e istruttori, Sara Turchetti, Maurizia Burioni, Alessia Marchetti e Jacopo Sapronetti.           Per informazioni, comunicati, curiosità e foto e notizie www.libertaspilastro.it o facebook Libertas Pilastro Pattinaggio.    Viterbo,  24 maggio 2015                    Carlo Turchetti -  ASD Libertas Pilastro ‘92]]> Conferenza di Storia dell’Arte su Architettura e decorazioni barocche a Ronciglione /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29728 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 07:50:23 Sabato 23 maggio alle ore 17, presso la chiesa di S. Sebastiano a Ronciglione, organizzata dal Centro Ricerche e Studi, il prof. Enrico Anselmi, dell’Università della Tuscia, ha tenuto un’interessantissima  conferenza di Storia dell’Arte su ‘Architettura e decorazioni barocche’, dedicata particolarmente alle vicende costruttive e di decorazione della chiesa di S. Sebastiano a Ronciglione, la cui fondazione è avvenuta in età romanica. Particolare attenzione è stata posta nella trattazione delle addizioni quattrocentesche dei portali di accesso, con accento su quello maggiore, attribuito a Marco di Iacobuccio, alla realizzazione degli altari laterali – quello dedicato ai santi Cosma e Damiano, 1623-1625, commissionato dal cardinale Odoardo Farnese - , nonché alla ridefinizione barocca della parete di fondo del presbiterio. Evidenziate anche analogie strutturali e pertinenti all’apparato plastico con i prospetti della chiesa di S. Giovanni degli Almadiani a Viterbo e con la chiesa di S. Giovanni Battista a Firenze. Certamente, asserisce il prof. Anselmi, la facciata di S. Sebastiano ha costituito anche un precedente per la Collegiata di S. Clemente a Latera e per la Collegiata di S. Maria del Suffragio a Grotte di Castro, realizzata da Girolamo Rainaldi. Il prof. Anselmi ha inoltre messo in luce le linee di continuità con l’architettura tardo-manierista – altari della cappella della Madonna della Strada del Vignola e della cappella del Sacro Cuore di Gesù di Giacomo della Porta, entrambi presenti nella chiesa del Gesù di Roma – e le analogie, nella chiesa di Ronciglione,  tra i rifacimenti barocchi al presbiterio - dove le preesistenti immagini pittoriche di S. Sebastiano, Santa Caterina e S. Rocco sono state inserite all’interno di una esuberante ornamentazione in stucco - con l’apparato decorativo della facciata di Santa Maria Maddalena di Giuseppe Sardi. Salvatore Enrico Anselmi è dottore di ricerca in Memoria e materia delle opere d’arte, Università degli Studi della Tuscia. Studioso delle committenze nobiliari di età barocca in area centro-italiana, con particolare riferimento alle famiglie Giustiniani, Farnese e Maidalchini-Pamphilj, collabora con il Centro di Studi sulla Cultura e l’Immagine di Roma, diretto da Marcello Fagiolo e presieduto da Paolo Portoghesi. Ha tenuto insegnamenti di Storia dell’arte Moderna presso il corso di laurea in Conservazione e restauro dei beni culturali dell’Università della Calabria, presso l’Università di Bari-Ssis Puglia, presso il Tirocinio Formativo Attivo, moduli di Storia dell’Arte Moderna, Arte e Territorio Università degli Studi della Tuscia e presso il Dipartimento di Studi dei Beni Culturali e la Scuola di Specializzazione in Conservazione e Tutela dei Beni culturali dello stesso ateneo dove attualmente svolge attività di ricerca in collaborazione con la cattedra di Storia dell’Arte Moderna. E’ autore di numerose pubblicazioni.]]> Presentazione Auditorium della Fondazione Carivit in Valle Faul /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29727 www.occhioviterbese.it 2015-05-25 07:43:36 Il prossimo 26 maggio alle ore 17,30 viene presentato nell’Auditorium della Fondazione Carivit in Valle Faul il completamento dell’intervento di ristrutturazione dell’ex mattatoio che costituisce l’iniziativa a maggiore rilevanza per obiettivi strategici e ampiezza di contenuto condotta dalla Fondazione Carivit. L’opera, che segue l’intervento realizzato dal BIC Lazio per la parte di propria spettanza dell’immobile, comprende una superficie totale di mq. 2.236, 36 di cui 1.183,50 coperti, con un impegno finanziario di oltre 5 milioni di euro. La struttura si distingue in due aree: la prima riguarda   la sala polifunzionale con i relativi spazi e locali gestita direttamente dalla Fondazione attraverso la propria impresa strumentale   e utilizzata sia per attività proprie della Fondazione sia concessa a terzi   per l’organizzazione di convegni, incontri di formazione, concerti,  ecc.; la seconda comprende una porzione destinata a finalità di tipo espositivo da destinare ad iniziative coerenti con gli obiettivi di crescita socio-culturale del territorio individuate e promosse anche in collaborazione con il Comune di Viterbo, la prima delle quali è il cosiddetto Pala Expo della Regione Lazio in Viterbo. Dopo l’introduzione del Presidente della Fondazione Mario Brutti e il saluto del Sindaco di Viterbo Leonardo Michelini verrà proiettato un video sul fabbricato come era e come è dopo la ristrutturazione. Concluderà la manifestazione l’avv. Giuseppe Guzzetti, presidente dell’ACRI, l’Associazione delle Fondazioni e delle Casse di Risparmio.]]> Previsioni meteo dal 24 al 31 Maggio: nuova perturbazione in arrivo /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29726 www.occhioviterbese.it 2015-05-24 16:38:11 La prima parte della settimana sarà caratterizzata ancora da una certa instabilità, ma a partire da venerdì la primavera tornerà a dominare le nostre regioni. Vediamo allora cosa potrebbe accadere giorno per giorno.   Lunedì: un certo miglioramento su gran parte delle regioni a partire dal mattino, ma poi verso le ore pomeridiane, soprattutto al nord ma anche nelle zone interne del centro sud torneranno le nubi e le piogge. Più sole invece sulle aree costiere delle regioni meridionali, sulla Sicilia e sulla Sardegna. Le temperature ancora sotto la media stagionale quasi ovunque.   Martedì: arriva una nuova perturbazione atlantica che porterà maltempo su quasi tutte le regioni italiane, iniziando da quelle tirreniche per poi interessare le regioni adriatiche in particolare l’Emilia Romagna e le Marche. Al sud dovrebbe prevalere il variabile con qualche temporale nelle sono più interne. I mari da poco mossi a molto mossi localmente. Le temperature al centro nord ancora sotto i livelli stagionali, in aumento al sud.   Mercoledì: peggiora il tempo al centro sud a causa dello stazionamento di un vortice depressionario, quindi piogge ancora su parte delle regioni tirreniche, un po’ meglio sulle regioni del versante adriatico e ionico. Temporali e forti piogge si prevedono anche sulla Sicilia orientale. Qui i mari tenderanno ad essere mossi. Migliorerà la situazione sul versante tirrenico nel pomeriggio. Al nord il tempo tenderà ad essere migliore con ampi rasserenamenti lungo le coste liguri e venete. In serata comunque è previsto un miglioramento quasi ovunque. I venti moderati saranno freschi provenienti dai quadranti settentrionali. Le temperature sempre su valori leggermente inferiori alla media stagionale.   Giovedì: Torna deciso il bel tempo al centro nord ad eccezione delle zone a ridosso della dorsale appenninica dove permangono delle nubi che potrebbero generare nel pomeriggio qualche temporale. Ancora in parte instabile il tempo al sud e sulla Sicilia orientale, ma anche qui in fase di miglioramento. I mari tendenzialmente poco mossi al sud e sul versante adriatico. Da poco mossi a mossi quelli della Sardegna e del Tirreno centro settentrionale a causa di venti moderati di Maestrale. Le temperature sulla media stagionale. ATTENDIBILITA’ AL 70% Venerdì: finalmente è vera primavera su quasi tutte le regioni, qualche eccezione sul settore nord orientale dove nelle zone a ridosso delle Alpi possono manifestarsi temporali pomeridiani. Temperature in rialzo quasi ovunque. Mari da poco mossi a calmi.   Week End: generalmente bel tempo su gran parte delle coste italiane, variabile nelle zone interne e lungo i rilievi con possibili precipitazioni pomeridiane. Le temperature in leggero aumento ovunque.   Servizio a cura di Accademia Kronos]]> Ricci, Villa Rosa: Lo sbando della sanità privata accreditata della Regione Lazio /occhioviterbese/index.php?option=com_content&task=view&id=29725 www.occhioviterbese.it 2015-05-23 10:48:22 Sembrerebbe ormai  assodato che i margini di profitto per chi ha investito od  intrapreso attività imprenditoriali nella sanità privata della Regione Lazio si siano assottigliati al punto che  i sostanziali interventi per il  contenimento dei costi, hanno assunto il carattere di una gara a chi taglia di più, principalmente sul personale dipendente, a suon di licenziamenti, cambi di contratti di lavoro in pejus, riduzioni di orario ecc. Usiamo il condizionale perché a nostro parere, la innegabile crisi economica tanto richiamata, ha rappresentato per alcuni soggetti economici anche una discreta opportunità. In tal senso, crediamo utile portare all’attenzione della SS.LL il caso della Clinica Villa Rosa di Viterbo in quanto, è sicuramente rappresentativa anche di tante altre realtà nelle quali  l’espressione c’è la crisi   è stata utilizzata alcune volte, per inibire fortemente ogni possibile tentativo di reazione dei lavoratori e dei famigliari degli stessi assistiti, contro l’imposizione di sacrifici economici da parte di una arrogante e spregiudicata imprenditoria sia laica che religiosa.       In questi anni critici non per tutti, la citata clinica, ha visto ridurre i propri ricavi di circa  1 milione di euro, ed a fronte di tale situazione, ha iniziato un percorso di risanamento o meglio di intimidazione e di sfruttamento dei lavoratori, attualmente ancora in corso, nel quale sono stati adottati provvedimenti di contenimento dei costi per circa 1 milione e 500 mila euro di cui il 70% è stato rappresentato dalla riduzione delle spese del personale.             Ci lascia perplessi il conto economico 2014 della citata struttura, ovviamente a statuto con finalità non lucrative, che si è chiuso con entrate pari a circa 9 milioni e 600 mila euro e ad uscite pari a circa 9 milioni e 500 mila euro, con una  incidenza di costi del personale corrispondente a circa il 60% equivalenti a circa 5 milioni e 800 mila euro, i restanti 3  milioni e 700 mila euro per la copertura di tutti gli altri costi di gestione. E’ questa una situazione economica tipo, non c’è dato conoscere quella patrimoniale, di una azienda che sulla base di tali dati, a nostro parere e non solo, può definirsi soddisfacente anche se “apparentemente” sembra produrre un utile limitato. Alla luce di quanto descritto On. Presidente, ci permettiamo chiederLe:                                                                                                                                                                                                                                                    - E’ giustificato il comportamento vessatorio e coercitivo della Clinica Villa Rosa, nei confronti dei propri dipendenti che determina pesanti ripercussioni negative anche sulla assistenza erogata ai pazienti?     -E’ sostenibile mantenere uno stato di allarme e di tensione sociale per anni a fronte di argomentazioni economiche non giustificate dai fatti? Per l’esercizio finanziario strettamente legato all’attività accreditata dalla Regione Lazio,Villa Rosa a nostro parere, ha incrementato il proprio profitto in barba alla decantata crisi.      -E’ possibile che la stessa Clinica, possa aver erogato l’assistenza ai pazienti  al di sotto dei requisiti minimi di accreditamento senza subire alcun che?       Purtroppo, altri istituti sanitari sia nel territorio romano che viterbese, stanno seguendo tali  deprecabili esempi e si sta delineando, un quadro alquanto preoccupante soprattutto per i pazienti, che suggerirebbe, di riconsiderare certi accreditamenti e magari anche la revisione del  decreto 90/2011.     E’ necessario a parere della scrivente organizzazione sindacale, assecondare le legittime  richieste di sviluppo degli istituti accreditati come Villa Rosa, solo nel rispetto delle regole e di reali garanzie per i pazienti e per gli operatori sanitari,  pretendere l’azzeramento dei contenziosi anche attraverso forme transattive, per ridurre al minimo la conflittualità sui posti di lavoro che incide negativamente sui livelli qualitativi assistenziali; effettuare maggiori controlli sui requisiti organizzativi, sulla qualità delle prestazioni erogate e sulla sicurezza, al fine di arginare un fenomeno che ha assunto contorni allarmanti e che rischia di determinare gravi ripercussioni sui pazienti e sugli operatori sanitari.      Si resta in attesa di urgente riscontro.                                                                                                      Il Segretario Provinciale                                                                                                         (Vittorio Ricci)  ]]>