banner3
  • Home |
  • Notizie Viterbo |
    notizie viterbo cronaca viterbo  
    news viterbo
    cronaca viterbo
    viterbo politica
    sport viterbo
    cronaca viterbese
    notizie viterbo
    notizie utili
    arte e cultura
    da non perdere
    lettere dai lettori
    curiosita a viterbo
    notizie viterbo
    cronaca viterbese
    news a viterbo
    news viterbo
    notizie viterbo
    sport a viterbo
    giornale viterbo
    notizie dal mondo
  • Rubriche |
    nuovo viterbo oggi rubriche viterbo
    occhiowall
    OcchioWall è il muro virtuale sul quale vengono affisse le locandine degli eventi in programma nelle discoteche, nei pub e nei vari locali della provincia di Viterbo. Concerti, gare sportive, sagre e quant'altro tra le locandine virtuali di OcchioWall
    Occhiowall
    news viterbo
    occhio al giardino
    notizie viterbo
    occhio al cuore
    viterbese
    occhiomusic
    santa rosa viterbo
    occhio al libro
    provincia di viterbo
    viterbo salute e farmacie
    tusciaweb
    cinema viterbo
    viterbo cinema
    ludika viterbo
    ludika
    tecnologia
    medioera
    oroscopo
    news viterbo
    ricette viterbesi
    ricette di viterbo
  • Servizi |
    Offerte lavoro Offerte Lavoro
    Cerco lavoro viterbo
    Offerte di Lavoro - Collegamento diretto con le ultime offerte di lavoro della Provincia di Viterbo provenienti da Enti pubblici, aziende private e collocamento mirato.
    offro lavoro
    news viterbo
    usato viterbo
    notizie viterbo
    orari autobus viterbo
    bus viterbo
    turni farmacie viterbo
    orari farmacie
    meteo viterbo
    tempo viterbo
    comuni di viterbo
    provincia di viterbo
    myocchio
    applicazioni occhioviterbese
    mobile viterbo
     mobile occhioviterbese
    rss viterbo
    rss occhioviterbese
    servizi web
  • Redazione |
    redazione
    contatti
    Staff - Lo Staff si divide in: Redazione, diretta da Augusto Simboli e formata da giornalisti, collaboratori esterni, fotografi e operatori video; e Ovit, responsabile del primo Ipermercato Virtuale di Viterbo, composta da tecnici informatici, grafici e promoters.
    redazione
    contatti
    occhioviterbese
    redazione viterbo
    notizie viterbo
    viterbo notizie
    lavora con noi
    news viterbo
    viterbo notizie
     
    giornale viterbo
     
    notizie viterbo
     
    viterbo giornale
     
    occhioviterbese
     
    news viterbo
     

Viterbo: Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo: Non sentite l'odore del fumo?

Guarda tutti gli articoli di LETTERE DAI LETTORI
19-06-2018 02:06  
Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo: Non sentite l

Ricostruita come d'abitudine a memoria il giorno dopo e frettolosamente, questa e' una sinossi delle cose dette dal responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani", Peppe Sini, in piazza del Comune a Viterbo il 18 giugno 2018 parlando a braccio in occasione dell'iniziativa contro il razzismo "Aprite i porti" promossa dall'Arci.

E' oggi che dobbiamo contrastare
Dopo il golpe bianco che ha illegittimamente ed assurdamente portato al governo del paese gli sciagurati caporioni della destra razzista e golpista che si ripromette di instaurare uno scellerato regime di persecuzioni razziste, occorre ora che il popolo italiano insorga, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani, in difesa della legalita' che salva le vite, in difesa della Costituzione della Repubblica italiana, in difesa della democrazia, in difesa dello stato di diritto, in difesa della civilta' e della civile convivenza, in difesa dell'umanita'.
Occorre che il popolo italiano insorga, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, per ottenere le immediate dimissioni del governo delle persecuzioni razziste, ed affinche' i ministri colpevoli di gravi reati, e finanche di crimini contro l'umanita', siano processati e condannati ai sensi delle leggi vigenti.
Occorre che tutte le persone decenti che fino ad oggi non hanno percepito la gravita' di cio' che sta accadendo escano finalmente dalla narcosi che e' gia' complicita' col male; occorre che tutte le persone decenti che fino ad oggi hanno taciuto escano finalmente dall'omerta' che e' gia' complicita' col male; occorre che tutte le persone decenti che fino ad oggi hanno subito e consentito con la loro rassegnazione le menzogne e la violenza dell'estrema destra razzista e golpista escano dalla subalternita' che e' gia' complicita' col male, e decidano di impegnarsi finalmente in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani, per salvare le vite di chi e' in estremo pericolo, per ripristinare nel nostro paese la democrazia che ogni essere umano riconosce e raggiunge e sostiene e conforta, per ripristinare nel nostro paese la legalita' che salva le vite.
*
Uscire dalla narcosi
Uno dei miei maestri che da molti anni ci ha lasciato, Danilo Dolci, scrisse una volta: "Auschwitz sta figliando nel mondo. Non sentite l'odore del fumo?".
Come si puo' essere cosi' ciechi da non vedere le nostre sorelle schiave in vendita sul ciglio delle strade alla merce' della fame di sesso e violenza dei carnefici nativi?
Come si puo' essere cosi' ciechi da non vedere le nostre sorelle e i nostri fratelli sfruttati, umiliati, ricattati da datori di lavoro che impongono patti leonini, sfruttamento fino all'asservimento, fino alla vera e propria riduzione in schiavitu'? Nelle case dove assistono i nostri anziani, nei campi, nelle officine, nei lavori piu' pesanti, piu' pericolosi, piu' sottopagati, esposti ad ogni angheria, ad ogni minaccia e ad ogni pericolo, senza tutele e senza pieta', adibiti a quello che l'economia ottocentesca gia' chiamava l'"esercito di riserva" della forza-lavoro, esposto ad ogni sopruso, ad ogni abuso, perche' esercitando su di esso la violenza piu' estrema il comando padronale, imponendo la sua ideologia schiavista e segregazionista, intende intimidire tutta la classe lavoratrice e spezzare la solidarieta' tra le lavoratrici ed i lavoratori, per ulteriormente massimizzare il profitto al prezzo della sofferenza piu' estrema e fin della morte degli esseri umani. E quando le piu' sfruttate ed i piu' sfruttati tra le sfruttate e gli sfruttati si ribellano, organizzano la lotta per i diritti di tutti, per il riconoscimento dell'umanita' dell'umanita', per la liberazione comune di tutte le oppresse e tutti gli oppressi, allora il comando padronale, ad un tempo mafioso, razzista e schiavista, ne dispone e ne fa eseguire l'uccisione, allora le nostre sorelle ed i nostri fratelli piu' sfruttati ed oppressi che hanno trovato la forza di organizzare la lotta politica e sindacale per la dignita' umana di tutti gli esseri umani, vengono assassinati dal regime terrorista e stragista al potere, dai rapporti di produzione e di proprieta' dominanti: assassinati come pochi giorni fa il nostro fratello, il nostro compagno Soumaila Sacko, e prima di lui tanti altri, e chi ha la mia eta' ricorda ancora il nostro fratello, il nostro compagno Jerry Masslo, assassinato a Villa Literno nel 1989, e come loro innumerevoli altre sorelle ed altri fratelli, altre compagne ed altri compagni immolati sui satanici altari del profitto dei rapinatori, sui satanici altari del mostro costantemente assetato di sangue e ricchezze.
Come si puo' essere cosi' ciechi da non vedere il massacro in corso lungo le rotte della disperata speranza di innumerevole donne e uomini in fuga dalla fame e dalla guerra, dalle dittature e dalle catastrofi ambientali provocate dai poteri dominanti?
Come si puo' essere cosi' ciechi da non vedere il nesso tra guerra, razzismo e maschilismo, tra ideologie e prassi dominanti e distruzione dell'umanita' e della biosfera?
*
Uscire dall'omerta'
In un suo sermone John Donne scrisse che nessun essere umano e' un'isola, ma tutti fanno parte del continente dell'umanita'; e cosi' non mandare a chiedere per chi suona la campana a morto: la campana suona sempre per te. Se ne ricordo' Hemingway che intitolo' "Per chi suona la campana" il suo romanzo - che e' anche la sua piu' grande testimonianza - sulla guerra di Spagna.
Dobbiamo dire la verita' sul rapporto Nord/Sud, sul "disordine costituito" della dominazione planetaria dell'ipercapitalismo mafioso, sul regime di apartheid globale imposto oggi al mondo sotto la denominazione di "globalizzazione neoliberista".
Le radici dell'emigrazione sono nel rapporto tra Nord e Sud del mondo: un rapporto di oppressione, di sfruttamento schiavista, di criminale rapina; il Nord produce solo il 20% delle risorse mondiali e ne consuma l'80%; mentre viceversa il Sud del mondo produce l'80% delle risorse mondiali e ne consuma soltanto il 20%. Come e' possibile questo? Solo perche' i poteri dominanti del Nord rapinano i popoli del Sud; e questa immane rapina e' la prima radice delle guerre e della fame, delle dittature e delle catastrofi ambientali, della violenza schiavista che costringe innumerevoli esseri umani ad abbandonare il luogo in cui sono nati per poter sopravvivere altrove.
E' un "modello di sviluppo" iniziato cinquecento anni fa, col saccheggio delle risorse americane, il genocidio degli indios, la riduzione in schiavitu' e la deportazione in America di forza-lavoro schiava dall'Africa per sostituire nelle miniere e nelle piantagioni gli indios sterminati: questa e' l'origine dell'"ordine mondiale" odierno: questa l'"accumulazione originaria" di capitale che ha dato avvio alla storia moderna come l'abbiamo conosciuta, una storia che gronda sangue e atrocita'.
Sono le nostre guerre, i regimi dittatoriali dei nostri compari e fantocci, la nostra produzione ed esportazione di armi, il nostro colonialismo che prosegue sotto diverse denominazioni, il regime rapinatore e schiavista globale di cui anche le classi dominanti in Italia compartecipano e godono l'usufrutto, a provocare la biblica migrazione di milioni e milioni di esseri umani innocenti, vittime di un disordine mondiale criminale che sta portando al collasso l'ecosistema e infligge sofferenze mostruose ai nove decimi dell'umanita'.
Qualche giorno fa su un'altra piazza, parlando nel corso dell'iniziativa promossa dall'Usb in memoria di Soumaila Sacko, ricordavo che in anni ormai lontani coordinai per l'Italia la piu' estesa campagna di solidarieta' con Nelson Mandela allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano; sapevo e dicevo gia' allora che la lotta di Nelson Mandela e delle sue compagne e dei suoi compagni contro l'apartheid era la lotta dell'umanita' intera contro il regime della schiavitu' e della segregazione razzista che l'intera umanita' minacciava e opprimeva. Sapevo e dicevo gia' allora che l'apartheid non era un residuo di un passato obsoleto che sarebbe scomparso da se', ma uno scellerato sistema di potere politico, economico, ideologico e sociale che se non l'avessimo contrastato e sconfitto al piu' presto avrebbe fagocitato il mondo intero. E quindi non eravamo noi, gli internazionalisti solidali, che aiutavamo le sorelle e i fratelli sudafricani nella loro lotta, ma erano loro che lottavano anche per noi, erano loro che lottavano anche per la nostra liberta', per la nostra dignita', per i nostri diritti, per l'intera umanita'. Poi la lotta di Nelson Mandela ha vinto in Sudafrica; ma l'apartheid sconfitto in Sudafrica si e' invece comunque esteso nel mondo: poiche' la globalizzazione neoliberista sta imponendo un regime di apartheid globale, in cui lo sfruttamento schiavista degli esseri umani sembra non conoscere piu' limiti, in cui l'oppressione di classe pretende di cristallizzarsi in ordine castale, in un delirio razzista analogo a quello hitleriano, erede di quello hitleriano.
Dobbiamo dire la verita' sul regime di terrore e di schiavitu' imposto oggi in Italia a milioni di esseri umani innocenti.
Oltre cinque milioni di persone vivono oggi in Italia private di diritti fondamentali ed esposte a un costante ricatto, in un regime di continua minaccia e paura, in un regime di vero terrore; e in un regime di asservimento che giunge fino all'imposizione di rapporti schiavisti.
E dobbiamo dire la verita' sull'ecatombe nel Mediterraneo.
Poiche' ogni giorno prosegue un'ecatombe nel Mediterraneo, ogni giorno altri esseri umani in fuga dall'orrore, prigionieri dell'orrore, trovano la morte mentre cercano scampo dalla fame e dalla guerra, dalle dittature e dalle catastrofi ambientali, dal regime dell'apartheid globale, dai loro aguzzini stupratori e schiavisti. E la principale responsabilita' di questo orrore e di questa ecatombe e' dei governi europei e di quello italiano in primo luogo.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, che impedendo l'ingresso in Europa con mezzi legali e sicuri a quanti ne hanno pieno diritto, hanno creato il mercato illegale su cui lucrano da anni profitti enormi le mafie schiaviste e stragiste dei trafficanti di esseri umani.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, che impedendo l'ingresso in Europa con mezzi legali e sicuri a quanti ne hanno pieno diritto, creano in Europa un "esercito di riserva" di forza-lavoro schiava per meglio sfruttare ed opprimere i lavoratori sia immigrati che nativi.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, che impedendo l'ingresso in Europa con mezzi legali e sicuri a quanti ne hanno pieno diritto, mentre lo riconoscono "de jure" negano "de facto" il diritto d'asilo.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, che proseguono e favoreggiano la prosecuzione della plurisecolare politica coloniale, schiavista e rapinatrice che ha derubato e devastato continenti interi e ridotto alla miseria e alla morte per fame le popolazioni di territori ricchissimi ma sistematicamente saccheggiati dai potentati economici del Nord del mondo.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, che armano i dittatori, fomentano le guerre, instaurano e favoreggiano poteri politici, economici e militari dediti ad ogni crimine.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, che impongono la cosiddetta "globalizzazione" neoliberista che costituisce un regime di universale sfruttamento e rapina, di planetario apartheid, che sta devastando irreversibilmente la biosfera, provoca ovunque guerre e fame, violenza e miseria, e sta trascinando l'umanita' intera alla catastrofe.
Sono i governi europei, e tra essi quello italiano, i mandanti e i complici degli scafisti, i mandanti e i complici delle mafie schiaviste e stragiste dei trafficanti di esseri umani.
C'e' un solo modo per far cessare immediatamente l'ecatombe nel Mediterraneo, c'e' un solo modo per abolire immediatamente i lager nazisti in Libia, c'e' un solo modo per annientare immediatamente le mafie schiaviste e stragiste dei trafficanti: riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di muoversi liberamente su quest'unico mondo vivente casa comune dell'umanita'; garantire a tutti gli esseri umani il diritto di muoversi servendosi di mezzi legali e sicuri; permettere a tutti di entrare nel nostro paese e nel nostro continente esattamente come i cittadini italiani hanno diritto di recarsi liberamente ovunque.
E rispettare finalmente l'articolo 10 della Costituzione della Repubblica italiana che stabilisce che "Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'esercizio delle liberta' democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica".
Lo sapeva e lo argomentava gia' Immanuel Kant, nel suo "Per la pace perpetua", che per la stessa conformazione fisica del pianeta Terra ogni essere umano ha il diritto di muoversi sull'intero pianeta casa comune dell'umanita' per trovare un luogo in cui vivere una vita degna ed ha altresi' il diritto di essere accolto e rispettato ovunque una vita degna sia possibile vivere.
E dobbiamo dire la verita' sul golpe bianco che ha portato al governo un regime razzista, e sulle persecuzioni razziste da questo criminale regime esplicitamente, pubblicamente, oscenamente annunciate, e su quelle gia' in atto.
L'attuale governo non rappresenta la volonta' del popolo italiano poiche' ha il consenso e la complicita' soltanto di una minoranza della popolazione e dell'elettorato.
L'attuale governo e' illegittimo perche' il suo esplicito programma confligge con la Costituzione della Repubblica, e quindi quando i ministri ora insediatisi hanno giurato fedelta' alla Costituzione hanno spergiurato, e quindi hanno commesso "ab ovo" una frode, un tradimento, un delitto tali da invalidare la loro stessa nomina.
Ripetiamolo ancora una volta: i caporioni dell'estrema destra razzista e golpista hanno ripetutamente ed esplicitamente annunciato quale sia il loro programma; hanno dichiarato ripetutamente quale sia la loro volonta':
- perseguitare le donne e gli uomini giunti in Italia perche' costretti ad abbandonare i loro paesi per sfuggire alla fame e alla guerra, alle dittature e ai disastri ambientali, donne e uomini cui l'estrema destra razzista e golpista minaccia la privazione di inalienabili diritti, la detenzione in campi di concentramento e la deportazione nelle grinfie dei loro aguzzini;
- perseguitare le donne e gli uomini rom e sinti, cui l'estrema destra razzista e golpista minaccia la distruzione degli alloggi e dei beni, minaccia misure lesive dei fondamentali diritti umani;
- perseguitare le donne e gli uomini musulmani, cui l'estrema destra razzista e golpista minaccia imposizioni degradanti e trattamenti discriminatori lesivi della loro dignita' di esseri umani;
- perseguitare le donne e gli uomini che in quanto operatori umanitari si adoperano per salvare le vite, e che nella propaganda dell'estrema destra razzista e golpista vengono assurdamente pressoche' assimilati ai trafficanti mafiosi e schiavisti;
- violare fondamentali articoli della Costituzione, in merito ai quali nella sua propaganda l'estrema destra razzista e golpista ha ripetutamente espresso disprezzo e intenzione di farne strame;
- favoreggiare o addirittura obbligare a commettere il reato di omissione di soccorso, reato di cui nella sua propaganda l'estrema destra razzista e golpista ha ripetutamente fatto l'apologia.
Tutto cio' e' stato ripetutamente, esplicitamente annunciato, e nessuno puo' fingere di ignorarlo.
Sono orrori che abbiamo gia' visto del corso della storia italiana ed europea: con i due millenni di persecuzioni antiebraiche culminate nella Shoah; con le crociate, con gli autodafe', con il colonialismo, con i pogrom, con i genocidi; ricorre quest'anno l'ottantesimo anniversario delle leggi razziste del 1938, e proprio quest'anno l'estrema destra razzista e golpista torna al governo nel nostro paese.
La criminale vicenda della chiusura dei porti italiani ai naufraghi ospitati sulla nave Aquarius e' l'inizio della messa in atto delle persecuzioni razziste annunciate: nel Mediterraneo si continua a morire, quotidianamente la strage continua, e il governo italiano rifiuta di soccorrere i naufraghi negando loro approdo nel nostro paese. La vicenda dell'Aquarius costituisce una flagrante violazione della Costituzione, del diritto del mare, del diritto internazionale e del diritto penale italiano: poiche' per le leggi vigenti quei naufraghi dovevano essere accolti in Italia, ed averlo impedito e' stato un flagrante, infame delitto.
Come e' un infame, scellerato delitto l'annunciata schedatura razzista dei rom.
Come e' un infame, scellerato delitto la volonta' di togliere i bambini ai loro genitori: una persecuzione dei bambini che ricorda i piu' mostruosi regimi dittatoriali; una persecuzione dei bambini che oggi sta attuando l'amministrazione Trump in America, con i bambini rapiti ai loro genitori ed imprigionati in gabbie come animali.
*
Uscire dalla subalternita'
- Prima di essere un ordinamento giuridico, l'Italia e' stata un'espressione geografica come diceva il principe di Metternich, e prima ancora un'identita' linguistica: l'Italia e' il paese creato linguisticamente da Dante, un condannato a morte, un esule, un migrante esposto ad ogni pericolo, che sapeva "si' come sa di sale / lo pane altrui, e come e' duro calle / lo scendere e 'l salir per l'altrui scale".
Ed oggi l'Italia di Dante deve essere negli artigli di chi disprezza e minaccia la vita e la dignita' umana di innumerevoli innocenti? Il governo del nostro paese deve essere tra le grinfie di chi effettualmente s'ispira alle leggi razziste del 1938? In Italia deve dominare ancora una volta un regime di persecuzioni razziste?
Nessuna persona di volonta' buona puo' accettare questo crimine.
Nessuna persona senziente e pensante puo' voler subire questa infamia.
Nessuna persona decente puo' ammettere questa oscena barbarie.
Quattro cose noi chiediamo, per quattro cose chiediamo a tutte le persone decenti di battersi ora, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, per la legalita' che salva le vite.
Noi chiediamo le dimissioni immediate del governo delle persecuzioni razziste, dell'omissione di soccorso, dei crimini contro l'umanita'.
Noi chiediamo che siano processati e condannati i ministri colpevoli di reati ignobili e gravissimi.
Noi chiediamo di riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto alla vita, e quindi il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro e trovarvi una vita degna: salvare le vite e' il primo dovere.
Noi chiediamo di riconoscere il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese. Nell'appello all'Italia civile su cui lo scorso anno raccogliemmo migliaia di firme - e tra esse anche quelle di quasi duecento parlamentari - ricordavamo che Il fondamento della democrazia e' il principio "una persona, un voto"; l'Italia essendo una repubblica democratica non puo' continuare a negare il primo diritto democratico a milioni di persone che vivono stabilmente qui. Vivono stabilmente in Italia oltre cinque milioni di persone non native, che qui risiedono, qui lavorano, qui pagano le tasse, qui mandano a scuola i loro figli che crescono nella lingua e nella cultura del nostro paese; queste persone rispettano le nostre leggi, contribuiscono intensamente alla nostra economia, contribuiscono in misura determinante a sostenere il nostro sistema pensionistico, contribuiscono in modo decisivo ad impedire il declino demografico del nostro paese; sono insomma milioni di nostri effettivi conterranei che arrecano all'Italia ingenti benefici ma che tuttora sono privi del diritto di contribuire alle decisioni pubbliche che anche le loro vite riguardano.
*
Insorgere per risorgere
C'e' una poesia di Paul Eluard, l'autore di una delle piu' belle poesie della Resistenza, c'e' una sua breve poesia improvvisata parlando ai minatori in sciopero che ricordo a memoria: "Camarades mineurs je vous le dis ici / Mon chant n'a pas de sens si vous n'avez raison // Si l'homme doit mourir avant d'avoir son heure / Il faut que les poetes meurent les premiers"; credo di essere nel vero se la interpreto cosi': che essa significhi che tutto il sapere e tutta la bellezza del mondo hanno un senso e un valore solo nella prospettiva della lotta per la liberazione dell'umanita', solo nella prospettiva di una sobria felicita' condivisa tra tutte e tutti, solo se sono parte dell'impegno per salvare le vite e riconoscere la dignita' e i solidali diritti di tutte e tutti, dell'intera umanita' e dell'intero mondo vivente.
E' oggi, prima che sia troppo tardi, che occorre impegnarsi per contrastare la furia onnicida della violenza razzista.
Occorre insorgere, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani.
Occorre insorgere, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, in difesa della legalita' che salva le vite.
Occorre insorgere, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, in difesa della Repubblica italiana e della sua Costituzione democratica ed antifascista.
Occorre insorgere, con la forza della verita', con la scelta della nonviolenza, per difendere l'umanita' dell'umanita'.
"Insorgere per risorgere": era il motto con cui i militanti del "Partito d'azione", i partigiani di "Giustizia e liberta'", chiamavano il popolo italiano alla Resistenza contro il fascismo.
*
Il primo dovere
Ci sono due motti di Rosa Luxemburg, che fu l'umanita' come dovrebbe essere, che non ho piu' dimenticato. Uno dice: "socialismo o barbarie", la solidarieta' o la barbarie, la condivisione dei beni e del bene o la barbarie; che significa che se non vige universale solidarieta' che tutti gli esseri umani riconosce ed abbraccia, li' dove questa solidarieta' non esiste allora s'impone e domina un potere criminale e assassino, terrorista e stragista, che fara' strame di ogni diritto e di ogni valore, che si nutrira' di carne umana fino all'ultima libbra, fino ad estinguere l'ultima luce, fino a sbranare l'ultimo cuore che batte. E l'altro motto ricorda che "la liberta' e' sempre e solo la liberta' degli altri", che significa che non si puo' essere liberi al prezzo dell'altrui servitu', che la liberta' e' una e indivisibile, e che o e' di tutte e tutti o non e'.
Ripetiamolo quindi ancora una volta per cosa dobbiamo innanzitutto qui e adesso lottare:
1. Dimissioni immediate del governo delle persecuzioni razziste. Dimissioni immediate del governo che lascia morire degli esseri umani negando soccorso e accoglienza. Dimissioni immediate del governo dei crimini contro l'umanita'.
2. Siano processati e condannati ai sensi di legge i ministri razzisti. Siano processati e condannati ai sensi di legge i ministri criminali. Siano processati e condannati ai sensi di legge i ministri golpisti.
3. Riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'; e quindi riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro. E cosi' far cessare subito l'ecatombe nel Mediterraneo.
4. Riconoscere il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese: "una persona, un voto" e' il fondamento della democrazia e della civile convivenza. E riconoscendo a tutte le persone che vivono in Italia i diritti sociali, civili, politici, si abbatte lo schiavismo nel nostro paese, si abbatte il regime di terrore e di apartheid nel nostro paese, si ripristina la democrazia e la civile convivenza.
L'Italia e' una repubblica democratica.
Il razzismo e' un crimine contro l'umanita'.
Siamo una sola umanita' in un unico mondo vivente casa comune dell'umanita' intera.
Salvare le vite e' il primo dovere.
Sii tu l'umanita' come dovrebbe essere.

Nota a cura del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

 

Clicca per Condividere questo articolo


 
 
 


 
Ultime news di LETTERE DAI LETTORI
Risposta Cittadinanzattiva su dichiarazioni Assessore Sberna su nostra ricerca asili nidoRisposta Cittadinanzattiva su dichiarazioni Assessore Sberna su nostra... Loro lo hanno versato, noi lo doniamo. Parte domenica 4 novembre la campagna di Fare Verde e Ansi per la donazione del sangueLoro lo hanno versato, noi lo doniamo. Parte domenica 4 novembre la ca... Viabilità Santa BarbaraViabilità Santa Barbara... La Via degli artisti: la seconda edizione è stata un'eruzione di vitalità ed energiaLa Via degli artisti: la seconda edizione è stata un'eruzione di vita...
Associazione Tarquinia Nel Cuore: blue energy Associazione Tarquinia Nel Cuore: blue energy ... Cena al buio: ringraziamentiCena al buio: ringraziamenti... Associazione Tarquinia Nel Cuore: ecoalbergo spalancatoAssociazione Tarquinia Nel Cuore: ecoalbergo spalancato... Il Vetrallese 17enne Giorgio Giardino entra a fa parte della grande famiglia di NEW GENERATION TVIl Vetrallese 17enne Giorgio Giardino entra a fa parte della grande fa...
Occhioviterbese
 
OCCHIOVITERBESE SEZIONI RUBRICHE STRUMENTI SERVIZI LINK UTILI
Redazione OV
Staff O.V.I.T.
Contatti
Facebook FanPage
Facebook Profilo I
Facebook Profilo II

Facebook Profilo III
OcchioMusic su Facebook
Occhio al Giardino su Facebook
Occhio al Cuore su Facebook
Occhio all'Oroscopo su Facebook
Cronaca
Politica
Notizie Utili
Arte e Cultura
Da non perdere
Lettere dai lettori
Curiosità
Sport a Viterbo
Ultime dal mondo
Occhio al Giardino
Occhio alla ricetta
OcchioWall
OcchioMusic
Occhio alla salute
Occhio al Cinema
Occhio all'oroscopo
Tecnologia
Sala giochi
My Occhio
Toolbar
Widget
OV Mobile
Rss
Servizi Web
Offerte Usato
Orari bus
Turni farmacie
Meteo
Comuni di Viterbo
Privacy Policy
Cookie Policy

 
P.I. 02027870563 - Autor. / Reg. Tribunale di Viterbo Nº 10/09 del 02/09/09
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione in data 21/12/2010 con numero 20478
Tutti i diritti riservati

Privacy Policy Cookie Policy

 

swfobject.registerObject("FlashID"); /*]]>*/