Bohemian Like You


dall'album: Road To Ruin
di Road-To-Ruin

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Bei visini: con un bacio insanguinato dritti all’ inferno!

Bloody Kiss: come mai un nome così sanguinario?
«Il bacio di sangue è un simbolo che richiama il gothic rock, che è stato un po' il nostro punto di partenza musicale. Ma oltre a questo Bloody Kiss centra l’anima del gruppo: tematiche romantiche e sentimentali con aspetti più oscuri e dark».
Come vi definite?
«Fatichiamo noi stessi a dare una descrizione del nostro genere. In un primo tempo, soprattutto per via delle prime cover a cui ci siamo dedicati, abbiamo provato a definirci gothic, con influenze derivate dal metal, ma la verità è che ciascun componente ha alle spalle un differente background musicale, che emerge chiaramente al momento della creazione dei nostri pezzi. Quel che ne esce è un rock brutto e cattivo, proprio come piace a noi!».
Di recente il batterista di sempre, Valentino, ha deciso di dedicarsi completamente ad un altro progetto in cui era impegnato, abbandonando il gruppo. I Bloody Kiss non si sono scoraggiati e hanno già trovato in Damiano un ottimo sostituto. Quanto è difficile coltivare un progetto con questo tipo di contrattempi? Quanto un nuovo elemento rischia di minare l’unione e la motivazione esistenti?
«Ogni volta che si cambia un membro all’interno di una band è un momento difficile, perché per certi versi bisogna ricominciare tutto da capo, si deve ricreare il giusto feeling che permette di intendersi al volo. E’ un po’ come una piccola morte e rinascita. Dobbiamo ammettere però che siamo stati fortunati perché in breve tempo s’è già instaurata una certa sintonia, e nel giro di un paio di settimane Damiano ha già imparato tutto il repertorio, per cui ormai siamo totalmente operativi. I cambiamenti possono creare scompiglio, ma la cosa importante è trovare qualcuno che condivida la stessa passione».
I Bloody Kiss suonano insieme da appena dieci mesi, ma hanno archiviato già 15 live, ne hanno in programma altri e hanno scritto 4 inediti, di cui uno già registrato e scaricabile da internet qui: Pretty Face (down to hell).
«Abbiamo da poco finito di registrare il nostro primo singolo Pretty Face (Down to Hell). E’ una canzone che vuole criticare un atteggiamento molto diffuso nella musica e in generale nella vita di tutti i giorni. E’ un attacco a tutti coloro che puntano solo sulle apparenze, credendo che nella vita sia sufficiente una bella faccia per avere successo. A queste persone noi mandiamo un semplice messaggio: portate all’inferno il vostro bel viso! Basta con le apparenze, nella vita contano i fatti!».
Un messaggio di cui fare tesoro, che il gruppo stesso è il primo a mettere in pratica: di fatti ne sta facendo parecchi, sicuramente a breve arriveranno altri pezzi.
«Ci stiamo totalmente dedicando agli inediti. Il nostro scopo è quello di suonare la nostra musica, di trasmettere le nostre emozioni. Le cover inizialmente sono una necessità e costituiscono la via più facile per farsi apprezzare. Noi però siamo convinti che l’obiettivo principale della musica dovrebbe essere proprio quello di poter plasmare qualcosa di unico, che possa dare soddisfazione al proprio ego musicale e allo stesso tempo piacere al pubblico. Anche quando facciamo cover tendiamo sempre a riarrangiarle secondo un nostro stile personale».
Uno stile che non hanno problemi a dimostrare sui palchi di festival o competizioni, contando solo sulla vittoria di trasmettere come per loro «la musica è vita». «Per noi contano solo l’entusiasmo e la voglia di fare, due cose molto difficili da trovare e spesso molto più importanti della semplice tecnica. Tutto il resto sono parole».
Di parole inutili non ce ne facciamo nulla, dateci invece un appuntamento.
«Il 28 luglio al Green Rock di Piansano e il 10 agosto alla festa della birra di Ronciglione. Viva OcchioMusic, viva i Bloody Kiss, e sempre rock on!!!».

Taryn Massaro

 

Una band a "Regola d'arte"
Noi di OcchioMusic abbiamo avuto l’onore di ospitare i B-Side per il loro “battesimo musicale”, la loro prima esibizione su un palcoscenico durante il concerto di Natale 2012 in piazza del Plebiscito a Viterbo. E’ stato amore a prima vista. Dai loro sorrisi e dagli sguardi complici emergeva una pura passione per la Musica e un dive... Leggi Recensione